Alta Via delle Grigne (sentiero 5A)

Una fantastica passeggiata: un percorso che si snoda attraverso la Val Monastero prima, e lungo la spalla del Coltignone poi, offrendo panorami indimenticabili sul Lario e scorci dei luoghi più caratteristici del territorio montano di Abbadia.
In particolare lungo il percorso si possono ammirare i prati con vista panoramica di Calech e Corda , la magnifica Cascata Cenghen , per giungere infine al fantastico paesaggio del Forcellino .

Vista notturna verso Sud dal Forcellino

Informazioni

  • Difficoltà:
  • Tempo di percorrenza: 3 h 15 min;
  • Lunghezza percorso: 7,8 km;
  • Dislivello massimo: 890 m circa (salita);
  • Partenza:Crebbio (scopri come raggiungerlo)
  • Segnaletica: Sentiero n. 5A (sui cartelli) (foto);
    segnavia Alta Via delle grigne: quadrato rosso con inscritto cerchio blu (foto).

Descrizione

Partendo da Crebbio (scopri come raggiungerlo), prendere la strada a fianco la chiesa che sale affiancando le edicole della Via Crucis. Al termine della salita, tenendo la destra, si entra nel borgo di Lombrino imboccando un piccolo vicolo (foto).

Proseguendo dritti lungo il vicolo, tenere la destra ad un incrocio posto in corrispondenza di una piccola edicola con statua raffigurante la Madonna, e proseguire in piano, in modo da lasciarsi alle spalle il piccolo borgo e raggiungere un lavatoio.

A questo punto si prosegue lungo una pista in ciottolato. Dopo poche centinaia di metri, in corrispondenza di una piccola fonte, tenere la destra sulla pista, in modo da imboccare la deviazione 5A (foto), e poi subito dopo la curva sulla destra tenere ancora la destra, rimanendo sulla pista che ora procede quasi in piano (foto).

Proseguire per circa 800 metri sulla pista che procede senza guadagnare quota fino ad incontrare le case della località Perla. Qui evitare la svolta verso sinistra e proseguire in piano sulla pista (foto).

Panorama da Calech

Dopo circa 150 metri si giunge ad un altro bivio (foto): il percorso dell'Alta Via delle Grigne prosegue sulla sinistra, ma svoltando a destra si può ammirare il pratone della località Calech .

A questo punto si posegue lungo il sentiero (ora più sconnesso) facendosi guidare dalle indicazioni per la Cascata Cenghen: il sentiero sembra diramarsi varie volte, tenere sempre la destra imboccando il sentiero in piano, seguendo sempre le indicazioni per la Cascata (foto: prima diramazione e seconda diramazione, terza diramazione ).

Proseguendo, mentre il sentiero si inoltra nella valle, si scorge, sempre più imponente, la parete dalla quale precipita la Cascata Cenghen. Giunti oramai vicini alla gola della cascata il bosco si dirada in corrispondenza di un bivio segnalato (foto). Il percorso dell'Alta Via prosegue sulla destra (indicazioni per Campelli), perdendo qualche metro di quota e oltrepassando il torrente Zerbo su di un ponte. Deviando invece verso sinitra, e seguendo le successive indicazioni, in 5 minuti si può raggiungere la maestosa Cascata Cenghen.

Passato il ponte, il sentiero diventa molto sconnesso ed inizia a salire con maggiore pendenza per circa 350 metri, fino a ricongiungersi con una pista in cemento proveniente da destra (foto). Qui immettersi sulla pista svoltando a sinistra (in salita), seguendo le indicazioni per le Falesie dei Campelli.

Proseguire sulla pista per circa 200 metri, ignorando la deviazione a sinistra per Campelli (sentiero 4), fino a giungere ad un tornante verso sinistra della pista. Qui lasciare la pista uscendo sulla destra (foto), e seguire subito dopo le indicazioni per le Falesie dei Campelli, prendendo il sentiero a sinistra (foto)

Proseguendo, il sentiero si inoltra circondato dal bosco in un primo tratto, per poi raggiungere il fianco della montagna: a questo punto sulla destra la vista si apre sul lago e su Abbadia. Si sorpassano ora le Falesie dei Campelli, poste alla sinistra del sentiero, si oltrepassano le tubature di una condotta forzata che scendono verso il lago, e si giunge a una cascina abbandonata posta in un punto panoramico. Qui evitare la deviazione sulla sinistra che raggiunge i Campelli e proseguire in piano (foto) per il sentiero che oltrepassa una stretta valle laterale.

Il pratone di Corda

Dopo circa 600 metri di salita il sentiero giunge alla località Corda, in corrispondenza di un pratone con un casello nel mezzo: qui mantenersi sul sentiero che risale il pratone passando alla destra della casa (foto)

Risalito il pratone, il sentiero si ributta nel bosco, fino a raggiungere, dopo poche centinaia di metri, due cascine poste sulla destra del percorso (Ca' di Nardo). Qui abbandonare il sentiero che prosegue dritto, svoltare a destra (foto) e passare appena sotto le cascine (foto), fino a raggiungere il percorso dell'Alta Via che riprende appena oltre le cascine (è presente un segnavia).

Ora il sentiero si rituffa nel bosco. D'ora in avanti la traccia sarà molto confusa: prestare molta attenzione ai segnavia rossi e blu dell'Alta Via. Dopo una prima parte pianeggiante, in corrispondenza di un piccolo ruscello, tenere la destra sul sentiero più basso (aiutarsi con i segnavia - foto) che guada il torrentello.

Seguendo i segnavia, si risale il bosco fino a giungere in vista di una radura in cui è presente un cartello che indica la direzione alternativa per tornare a Crebbio. Svoltare a destra, in direzione opposta da quella indicata dal cartello, sempre seguendo i segnavia ( foto).

Lecco sullo sfondo, la parete del Forcellino sulla sinistra

A questo punto il percorso risale, prima traversando un declivio, poi rituffandosi nel bosco, la spalla della Bocchetta di Gasce. Da qui è possibile ammirare il panorama verso Lecco, e da qui si scorge il costone roccioso del Forcellino (vedi foto).

Passata la Bocchetta di Gasce il sentiero si addentra nuovamente tra gli alberi, e inizia a risalire la spalla del costone roccioso del Frocellino. La risalita diventa via via più dura, fino a raggiungere un tratto più impegnativo su ghiaia. Superato questo, si inizia a vedere la fine del pendio della spalla.

Raggiunta la sommità, una piccola radura si apre alla destra del sentiero. Tagliando per la radura si raggiunge un cartello che indica la direzione di discesa verso Crebbio ( foto). Imboccando il sentiero sotto il cartello verso destra si giunge al punto panoramico posto sullo sperone roccioso del Forcellino .

Panorama verso Nord dal Forcellino

Una volta ammirato il panorama dal Forcellino, tornare sui propri passi fino al cartello, e oltrepassarlo proseguendo dritti (la radura da dove si è arrivati è ora alla vostra sinistra). Continuando sul sentiero, ci si lascia alla destra la via che scende verso il rifugio Piazza e la località Pradello, e si giunge rapidamente a uno spiazzo. Qui si imbocca a sinistra la pista carrozzabile ( foto) che scende verso i Piani Resinelli, e in 20 minuti si raggiunge la località.

Foto sferica panoramica dal Forcellino

lol

Mappa Scaricabile

È disponibile la cartina stampabile di AbbadiaPasseggiate per questo percorso: clicca sull'immagine per la versione jpeg ad alta qualità (8,7MP) oppure clicca qui per la versione in formato pdf.

Mappa sentiero 4

Mappa Navigabile